CENTRALE BIOGAS: SI PUÒ ANCORA FERMARE !

                                                             

centrale biogas

Spesso le  piccole e grandi violenze dell’ambiente avvengono per l’incuria dei governi, a volte con la loro collusione, quasi sempre per ragioni di guadagno e speculazione ma, purtroppo e troppo spesso, esse vengono commesse con la complicità di coloro che ne patiscono le conseguenze. Troppo spesso la gente non sa, molto più spesso non vuole sapere e quasi sempre se ne frega e si avvede della porta aperta solo dopo che le mucche hanno preso il largo. La realizzazione di impianti impattanti, come una centrale biogas, vengono  sempre accompagnati di mobilitazioni di popolo che si muove sotto il vessillo di una parte politica, fatto che se da una parte da consistenza alla mobilitazione ne rivela, prima o poi,  l’aspetto divisivo e gli esiti sono spesso negativi. Noi abbiamo scelto la via legale, la strada maestra del confronto istituzionale, liberi da costrizioni partitiche e dalla necessità di compiacere o di denigrare un Giunta Comunale o Regionale. Confronto e discussione che abbiamo cercato di fare negli incontri con la politica, nelle commissioni e nell’ambito del Consiglio Comunale.

Abbiamo contribuito in modo determinante a bloccare  la centrale biogas  della Green Future. Abbiamo fermato il mega-deposito di rifiuti di Eco-Transport.                                                        

Non abbiamo potuto fermare la Centrale biogas  della Spadellata  perché il Comune di Anzio l’aveva già autorizzata senza darne notizie alla gente. Noi continuiamo a credere nella forza della legalità e nella coerenza delle persone per bene per fermare la centrale della Spadellata causa di disagio, danno economico e potenziale pericolo per gli abitanti.

Siamo convinti che essa possa essere fermata perché pensiamo che la legge sia dalla nostra parte.

Per condurre questa battaglia di giustizia e di legalità serve la presenza della gente, perché la gente è la nostra forza.

Il giorno 18 febbraio alle ore 10,30  presso la Sala Consiliare di Villa Sarsina si parlerà delle ragioni della Centrale della Spadellata e la TUA PRESENZA, per sapere come stanno i fatti,  è indispensabile. E’ anche indispensabile continuare la nostra battaglia  per far capire alla politica di Anzio che la salute degli abitanti, la loro sicurezza  ed i loro interessi familiari non possono essere svenduti per trattare i rifiuti di Roma e per soddisfare solo ragioni di speculazione economica.

                               PARTECIPA !  

LA TUA PRESENZA E’ INDISPENSABILE !

Uniti Per l’Ambiente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *